Gruppo AVM: in attivo i dati di bilancio 2016

6 Giugno 2017

Gruppo AVM: in attivo i dati di bilancio 2016
 

Raggiunto un risultato positivo per tutte le società del Gruppo della mobilità veneziana
 

Venezia, 6 giugno 2017 – Grande soddisfazione per i dati di bilancio consolidato 2016 del Gruppo AVM, Azienda Veneziana della Mobilità.

 

Tutte e quattro le società del Gruppo AVM (AVM, ACTV, VELA E PMV) hanno registrato un utile di esercizio, per un risultato consolidato di Gruppo superiore ai 5 milioni di euro (+ 108% rispetto all’anno precedente) ed un valore della produzione di 310 milioni di euro.

L’ottima performance raggiunta, grazie anche all’andamento positivo della domanda, è frutto del continuo perseguimento degli obiettivi di efficientamento della struttura dei costi e di efficacia nella ricerca e sviluppo dei ricavi; questo è stato possibile sia con l’effettivo incremento dei volumi di vendita che attraverso il recupero dell’evasione, in continuità con il Piano Industriale definito dal Gruppo a seguito della forte riduzione dei contributi regionali degli anni scorsi.

Nel presentare i risultati il Direttore Generale del Gruppo, Giovanni Seno e l’Assessore al Bilancio e Società Partecipate del Comune di Venezia, Michele Zuin hanno voluto evidenziare come la gestione virtuosa del Gruppo ha permesso un recupero di oltre 25 milioni di € in 4 anni a partire dalla perdita di 18 milioni di euro che la Holding registrava nel 2012. È stato inoltre possibile migliorare progressivamente la posizione finanziaria e consentire quindi un necessario ritorno agli investimenti per il triennio 2017-2019, confermando così la validità degli sforzi profusi dal Gruppo nel suo complesso.

Nel dettaglio:

  • AVM, chiude il bilancio con un valore della produzione di 250.4 milioni di euro ed un utile pari a 1.46 milioni di euro, in crescita di 316 mila € rispetto al 2015.
  • ACTV ha chiuso il 2016 con un valore della produzione prossimo ai 232.5 milioni di euro ed un utile di esercizio pari a 1.05 milioni di euro che ha saputo incrementare di oltre 72 mila euro rispetto al 2015.
  •  PMV ha registrato un valore della produzione pari a 17.7 milioni di euro nel 2016 ed un utile di ca. 44 mila euro.
  • VELA ha registrato un valore della produzione pari a 24.1 milioni di € ed un utile di 46 mila €, grazie all’incremento della vendita del ticketing del trasporto pubblico, alla crescita della rete di distribuzione (diretta e indiretta) e alla capacità di ricavare valore dall’organizzazione degli eventi cittadini.

“Il risultato ottenuto - dichiara Giovanni Seno, Direttore Generale del Gruppo AVM - è merito del grande sforzo profuso da tutti i lavoratori della Holding, i quali hanno saputo comprendere il valore posto dalle nuove sfide di mercato e dagli obiettivi che l’Amministrazione Comunale ha voluto dare alle Aziende del Gruppo. I risultati si vedono tanto nelle performance aziendali, quanto nel ritorno agli investimenti: elemento questo che voglio sottolineare con orgoglio. Non dimenticando peraltro che, in quanto società di gestione dei servizi per la mobilità pubblica e privata, un forte accento va posto sulla qualità del servizio, rispetto al quale il giudizio della clientela in termini di soddisfazione risulta in progressivo miglioramento sia in termini generali, sia con specifico riferimento a variabili quali la sicurezza e il personale.”

“Il bilancio del Gruppo AVM - ha commentato Michele Zuin, Assessore al Bilancio e Società Partecipate del Comune di Venezia - è l'occasione per guardare al lavoro fatto fino ad oggi, in questo caso con grande soddisfazione perché tra Comune, azienda e amministratori si è creato un virtuoso e proficuo clima di collaborazione che ha consentito di garantire ai cittadini i servizi di trasporto consueti, rendendo più performante allo stesso tempo la struttura dei costi. Grazie agli sforzi compiuti per efficientare la macchina amministrativa e alla determinazione con cui si è provveduto a tagliare gli sprechi, siamo riusciti a chiudere positivamente il 2016, migliorando progressivamente la posizione finanziaria del Gruppo e consentendo così un necessario ritorno agli investimenti per il triennio 2017-2019.”